Non sentire bene: Cosa si deve fare se si pensa di avere una perdita di udito?

Non è facile capire se si ha una perdita di udito o meno.

Più del 20% della popolazione italiana non è diventata sorda, ma solo il 10% dichiara di non sentire bene attualmente. Ci sono diversi motivi che possono rendere il non sentire bene uno dei disturbi più comuni tra gli adulti di oggi. L’uso di cuffie e dispositivi di ascolto portatili ad alto volume per molte ore al giorno è uno di questi.

Lo scopo di questo articolo non è quello di predicare contro l’uso delle cuffie, ma piuttosto di fornire alcuni consigli su come verificare se i vostri problemi derivano dal fatto che non siete in grado di sentire bene o non avete padronanza di alcune abilità che sono coinvolte nell’ascolto corretto, come la comprensione di ciò che viene detto a basso volume o in ambienti rumorosi.

Non sentire bene, potrebbe trattarsi di ipoacusia?

Se sospettate di non sentire bene, la cosa migliore da fare è non affidarsi esclusivamente al proprio giudizio. Visitate uno specialista di orecchio, naso e gola che sarà in grado di farvi un check up completo per determinare il problema in termini più concreti.

Non è insolito che il fatto di non riuscire a sentire bene porti a depressione e ansia, perché potremmo non essere consapevoli del fatto che non riusciamo a sentire molto bene e non comunichiamo in modo efficiente con le altre persone a causa di questo handicap.

Dovremmo sicuramente considerare importante non solo non isolarsi socialmente, ma anche non esporre noi stessi o i nostri familiari (se ci sono bambini coinvolti) a situazioni di pericolo in cui la mancanza di consapevolezza ci mette a rischio significativo a causa di interazioni con estranei o anche persone familiari.

In alcuni casi, non riuscire a sentire bene può causare la mancata consapevolezza degli allarmi o di altri dispositivi che ci proteggono da situazioni pericolose. In altri casi, non sentire bene porta a non capire le istruzioni date da un medico e a non essere d’accordo con una diagnosi – una brutta situazione nel caso di una malattia grave.

Il problema è più comune tra le persone anziane, a causa di malattie spesso presenti come la pressione alta, il colesterolo alto, il diabete di tipo 2 e più raramente problemi neurologici.

Altre cause sono più comuni nelle generazioni più giovani: le infezioni all’orecchio durante l’infanzia (e anche alla nascita), per esempio, possono portare a non sentire bene se non trattate correttamente.

Anche se non è sempre colpa tua se ti esponi al rumore sul lavoro o usi eccessivamente le cuffie senza prendere inconto del volume, non essere in grado di sentire bene non necessariamente migliorerà da solo o con semplici trucchi. Alcuni apparecchi non sono costosi ma possono fare una differenza significativa nel non sentire bene.

Non è così facile come può sembrare capire se non si ascolta a causa del non sentire bene o della mancanza di abilità legate all’ascolto e alla comprensione del discorso.

Ma per coloro che sospettano di avere una perdita uditiva, è importante non auto diagnosticarsi e non provare presunte soluzioni magiche che spesso non funzionano: non fa bene neanche al portafoglio!

Se non senti bene, cosa devi fare?

Dovresti certamente prendere in considerazione di visitare un Oorinolaringoiatra se pensi di non riuscire a sentire bene – indipendentemente dall’età – e non trascurare mai la tua salute.

Prima i problemi vengono diagnosticati correttamente prima si riesce a superarli! Non si tratta tanto di non riuscire a sentire bene, ma piuttosto di non capire cosa dicono le persone, di non riuscire a dialogare con l’ambiente circostante o di non essere consapevoli dei suoni che ci circondano.

Non è facile diagnosticare i problemi di udito (sì, ce n’è più di uno!) negli adulti o anche nei bambini se non hanno ancora raggiunto l’età scolare.

Se sospettate che vostro figlio possa non sentire bene – per esempio perché non presta attenzione quando viene chiamato per nome – non trascurate mai di portarlo a fare una visita da un otorinolaringoiatra, perché questo può causare danni irreversibili nelle fasi iniziali.

La comprensione di ciò che dicono gli altri non è sempre dovuta al non sentire bene; a volte non si tratta nemmeno di non capire le parole, ma piuttosto di non capire il senso di ciò che viene detto.

A seconda di fattori come lo stress, la stanchezza o anche solo il fatto di lavorare al computer tutto il giorno per ore e ore, non ascoltare o non essere consapevoli del rumore può portare a non essere in grado di capire ciò che gli altri dicono – non solo quando si parla con altre persone in conversazione, ma anche quando si guarda la TV o quando si ascoltano programmi radiofonici.

La stessa cosa accade quando si cerca di ascoltare la musica con le cuffie: se il volume è troppo alto e/o la qualità del suono non è buona, può essere difficile o impossibile sentire suoni molto bassi.

Mentre in alcuni casi non sentire bene è dovuto semplicemente a un’infezione dell’orecchio che non è ancora guarito, non sentire bene può anche essere causato dall’esposizione al rumore – non solo sotto forma di suono, ma anche di luce molto intensa.

Questo succede non solo a chi fa un lavoro rumoroso o esce per bar e discoteche tutta la notte, ma anche a chi ama ascoltare la musica in cuffia. Quest’ultimo è particolarmente vero se non si presta attenzione al volume o se non si usano auricolari appropriati per i diversi generi musicali.

Una sessione prolungata di intrattenimento con rumori forti ti mette a rischio di non sentire bene a causa delle cellule “ciliate” danneggiate nelle orecchie che si riprendono lentamente una volta che gli stimoli eccessivi sono stati rimossi – questo richiede tempo!

È una buona idea non esporsi a tali rischi il più possibile: dopo aver ascoltato a lungo a suoni forti, non andate subito ad ascoltare musica a volume molto basso: date una pausa alle vostre “cellule ciliate”, perché non si riprenderanno se esposte a suoni ancora più forti.

Le cause del non sentire bene

Non è sempre possibile prevedere la causa del non sentire bene – soprattutto nelle persone anziane che spesso possono essere colpite da perdita o perdita progressiva di tali cellule.

Pertanto, tutti dovrebbero fare uno sforzo per non perderle! Se ci sono bambini in famiglia, si può iniziare presto insegnando loro come non danneggiare le orecchie quando si ascoltano suoni forti per periodi di tempo prolungati; fino a quando non raggiungono l’età adulta, i bambini dovrebbero anche evitare di utilizzare smartphone o altri dispositivi mobili con cuffie che possono causare più danni alle orecchie non solo a causa del volume, ma anche per la vicinanza degli altoparlanti.

Un’altra causa spesso sconosciuta del non sentire bene è l’acufene o altri tipi di sensazioni uditive non associate ai suoni.

Cosa fare se non sentiamo bene?

La prima cosa da fare quando non si sente nulla in modo chiaro è verificare se ci sono diversi gradi di perdita – per esempio, tra le alte e le basse frequenze, soprattutto nelle persone anziane. Dopo aver verificato questo dettaglio, chiediti se il tuo non sentire bene può essere dovuto a un rumore eccessivo, allo stress o a un’infezione dell’orecchio non ancora guarita.

Se nessuna di queste situazioni è applicabile, vada dal suo medico per controllare se il non sentire bene non sia dovuto a qualche altro problema – non legato all’orecchio.

Se sospetta che il non sentire bene possa essere causato da qualcos’altro ma non da un’infezione all’orecchio, vada da un professionista che possa aiutarla in questo senso! Se si scopre che non c’è nulla di sbagliato nelle tue orecchie, ma piuttosto c’è semplicemente un danno o una perdita di “cellule ciliate” in esse, è probabile che il non riuscire a sentire i suoni molto bassi scomparirà gradualmente.

Attenzione: anche se non sentire bene non è sempre dovuto al tipo di cose menzionate sopra, è comunque intelligente non ascoltare la musica in cuffia per troppo tempo ad alto volume!

Non sentire bene: Conclusioni

Speriamo davvero che questo articolo ti sia piaciuto, e se hai domande o commenti, sentiti libero di lasciarli nella casella qui sotto. Se ti è piaciuto questo articolo, non dimenticare che la condivisione ci renderà davvero molto felici!

Da Audisan al prossimo articolo!

Articoli Recenti

Quando il ronzio all’orecchio dovrebbe preoccuparci

Quando il ronzio all’orecchio dovrebbe preoccuparci

I ronzii all’orecchio sono un segno di preoccupazione? Potrebbe trattarsi di Acufene. Anche se raramente costituiscono una patologia, è opportuno rivolgersi al medico qualora il disturbo si ripresentasse più volte. L’acufene, nonostante possa essere spesso associato a...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimani aggiornato con le ultime notizie

Seguici sui nostri canali social

Seguici sui nostri canali per non perderti nessun aggiornamento delle nostre attività