Le cuffie fanno male all’udito?

le cuffie fanno male all'udito

Nel mondo di oggi, la maggior parte di noi ha imparato ad adorare le cuffie e gli auricolari (noti anche come earbuds), soprattutto perché li usiamo per le chiamate, i podcast e ascoltare le nostre canzoni preferite.

Gli auricolari ci permettono di ascoltare le nostre cose preferite nella privacy.

La preoccupazione sorge ogni volta che alziamo un po’ il volume per sentire meglio: questi dispositivi potrebbero causare danni all’udito?

Cosa dice la ricerca su cuffie e ipoacusia?

Gli auricolari vengono utilizzati da parecchio tempo, ma finora non ci sono prove che suggeriscano che danneggino l’udito.

D’altra parte, cuffie e auricolari possono causare la perdita dell’udito indotta dal rumore (NIHL).

La perdita dell’udito indotta dal rumore può essere dovuta all’esposizione a rumori molto forti o all’esposizione prolungata a suoni di livello non troppo alto.

Perciò è difficile trovare studi a lungo termine che esaminino i danni all’udito causati dagli auricolari o dalle cuffie.

Ci sono alcuni indizi che indicano la possibilità di esposizione al rumore da dispositivi di ascolto come causa di perdita dell’udito e acufene.L’acufene è una condizione in cui le persone sentono suoni che non esistono. Ad oggi, non ci sono studi conclusivi sulla relazione tra l’esposizione al rumore e l’acufene

Se si ascolta la musica in cuffia ad alto volume per molto tempo senza sufficienti pause, si potrebbero potenzialmente causare danni all’udito

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), 1,1 miliardi di giovani in tutto il mondo – o il 50% di quelli tra i 12 e i 35 anni – possono essere in pericolo di sviluppare una futura perdita dell’udito indotta dal rumore (NIHL) come risultato di abitudini di ascolto non sicure.

In che modo le cuffie causano la perdita dell’udito?

La perdita dell’udito causata da cuffie e auricolari è un esempio di NIHL. È fondamentale capire come funzionano le nostre orecchie per comprendere il NIHL.

La coclea è una struttura a forma di spirale nell’orecchio interno che contiene delicate cellule uditive chiamate cellule ciliate. Quando le vibrazioni sonore passano attraverso l’orecchio interno, le cellule ciliate catturano quei segnali e li inviano al nostro cervello per elaborarli come suono.

I rumori troppo forti aumentano la forza di queste vibrazioni, e se sono troppo forti o continuano per un lungo periodo di tempo, le cellule ciliate saranno danneggiate. L’esposizione ripetuta a un rumore eccessivo può danneggiare le cellule ciliate in modo irreversibile, provocando la NIHL.

Purtroppo, una volta che le cellule ciliate dell’orecchio interno vengono distrutte, non possono essere rigenerate. (Anche se non è possibile ripristinare l’udito perduto, l’uso di apparecchi acustici o di impianti potrebbe aiutare a sentire meglio)

Le cuffie e gli auricolari sono una preoccupazione particolare perché la gente tende ad aumentare il volume e ad ascoltare per lunghi periodi di tempo. Se indossi cuffie o auricolari e alzi il volume per coprire il rumore ambientale, probabilmente stai facendo più danni di quanto pensi.

Come uso le mie cuffie in modo sicuro?

Il modo migliore per proteggere l’udito è quello di abbassare sempre il volume, soprattutto quando si usano gli auricolari.

Prima di ascoltare per lunghi periodi di tempo, dia alle sue orecchie una pausa e ascolti a volumi più bassi. Eviti di mettersi in situazioni in cui può essere esposto a rumori forti o suoni che possono danneggiare l’udito

Limiti l’uso delle cuffie e auricolari a 1 ora al giorno. Se ascolti più a lungo, considera di fare una pausa ogni 30 minuti

Più alto è il volume e più a lungo si è esposti, maggiore è il rischio di danni all’udito. Per esempio: se ascolti a basso volume con gli auricolari per 4 ore al giorno per 5 giorni di seguito, è come ascoltare un tosaerba per 8 ore

Se stai scegliendo gli auricolari o le cuffie, i modelli a cancellazione di rumore possono ridurre il rumore di fondo e richiedere volumi più bassi.Suggerimenti per un ascolto sicuro:

Impostare un limite di volume con un’app, o usare il timer del telefono per ricordarsi di fare una pausa

Tenere il volume a non più del 50% del livello massimo

Limita il tuo tempo di ascolto ad alti livelli. Cerca di non superare i 60 minuti in una sola seduta

Concentrarsi su un futuro più sicuro per le nostre orecchie

Seguire le raccomandazioni di cui sopra è essenziale, ma ce ne sono molte altre in arrivo.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (ITU) hanno rilasciato le raccomandazioni per un tipo di auricolari di prossima generazione che riducono al minimo il rischio di perdita dell’udito.

Il progetto Make Listening Safe dell’OMS, che mira a migliorare le capacità di ascolto, in particolare tra i giovani che usano i loro dispositivi audio personali per ascoltare la musica, ha creato le linee guida.

Si prevede che questi standard (che ora sono facoltativi) saranno ampiamente implementati in futuro, rendendo l’uso delle cuffie più sicuro per tutti.

Post Correlati

Continua a Leggere

Cos’è il Barotrauma?

Cos’è il Barotrauma?

Il barotrauma è un fenomeno che colpisce l'orecchio quando c'è una differenza di pressione tra l'orecchio e l'ambiente circostante. Può essere causato dalla salita o dalla discesa in aereo, dalle immersioni subacquee, dal volo in quota, ecc. Quali sono i sintomi del...

Trauma Acustico: Come il rumore provoca danni all’udito

Trauma Acustico: Come il rumore provoca danni all’udito

Il trauma acustico può causare danni permanenti e irreversibili all'udito che portano alla sordità. Il trauma da rumore è molto comune e colpisce persone in tutto il mondo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 1 miliardo di individui sia esposto...

Cause sordità: esiste una diagnosi precisa?

Cause sordità: esiste una diagnosi precisa?

La sordità viene spesso considerata come una totale mancanza dell'udito. In realtà, l'ipoacusia è molto raramente una condizione completa: La maggior parte dei casi è parziale o comunque ha diversi livelli di gravità. Investire in uno studio approfondito è necessario...

Lascia un commento

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *