Cos’è il Barotrauma?

Barotrauma

Il barotrauma è un fenomeno che colpisce l’orecchio quando c’è una differenza di pressione tra l’orecchio e l’ambiente circostante.

Può essere causato dalla salita o dalla discesa in aereo, dalle immersioni subacquee, dal volo in quota, ecc.

Quali sono i sintomi del barotrauma? Il sintomo più comune è la perdita dell’udito che può variare da temporanea a permanente. Ci sono anche altri sintomi come fischi alle orecchie (tinnito), dolore in una o entrambe le orecchie, vertigini, nausea e vomito.

In questo articolo parleremo del barotrauma che colpisce le orecchie.

Quali sono i sintomi del barotrauma?

Il barotrauma è un fenomeno che colpisce le orecchie all’interno del corpo, nello specifico la cassa del timpano, grazie alla variazione repentina della pressione atmosferica. I barotraumi sono causati da variazioni differenti di pressione tra l’aria esterna e il condotto uditivo in cui si trova l’orecchio.

La Tuba di Eustachio conosciuta anche come tuba uditiva ha l’incarico di mantenere l’equilibrio pressorio all’interno e all’esterno dell’orecchio. La tuba uditiva è un organo che svolge questa funzione

La tuba uditiva è un tubo lungo 3-4 centimetri che collega la cassa del timpano con il rinofaringe (naso) e, quindi, l’esterno; La funzione principale è quella di regolare l’orecchio medio e mantenerne la pressione esterna al livello necessario.

L’infiammazione della tuba (difficoltà di apertura, calibro più piccolo, anomalie craniche) può portare a un barotrauma. La presenza di muco o fenomeni infiammatori alla gola e al naso (influenza, tonsillite, ecc.) potrebbero contribuire allo sviluppo di un barotrauma.

Il barotrauma all’orecchio è un disturbo molto comune fra i subacquei, quando si verifica una pressione improvvisa nella maschera o nel casco di immersione. Questo può essere causato da variazioni rapide della pressione atmosferica e del tempo meteorologico, come un rapido abbassamento della pressione atmosferica.

Questo fenomeno può farti lamentare dolore, alterazioni nelle normali funzioni, come la capacità uditiva, sensazione di orecchio chiuso, acufeni, vertigini.

L’esame obiettivo mostra un timpano che può essere arrossato, retratto o nei casi estremi perforato. L’esame audiometrico tonale evidenzia un deficit uditivo di tipo trasmissivo con maggiore interessamento delle frequenze basse.

In caso di danno alle strutture cocleari, la perdita uditiva sarà misto in quanto coinvolge l’apparato di trasmissione del suono e le cellule nervose cocleari.

Qual è la terapia per il barotrauma?

Il barotrauma è un problema che colpisce molte persone in mare perché il cambiamento della pressione atmosferica che avviene quando ci si immerge in acqua con un oggetto talvolta può causare il danno all’orecchio.

Prima di tutto, non preoccuparti: se hai problemi a causa del barotrauma, ci sono molti trattamenti per risolvere il problema e ripristinare la salute del tuo orecchio.

La terapia consiste nell’assunzione di farmaci per ridurre il dolore e diminuire la pressione nelle orecchie. Questo tipo di terapia è quasi sempre risolutivo.

In rari casi, la manovra di Valsalva, che viene comunemente eseguita per compensare la differenza di pressione tra le orecchie bloccate, può provocare un’iperpressurizzazione dell’orecchio medio.

Questa forza può essere trasmessa all’orecchio interno e, da lì, alle delicate strutture che lo compongono con possibili danni a lungo termine.

Barotrauma: Cosa fare?

Il barotrauma è il risultato di una pressione atmosferica che cambia quando si passano da condizioni ambientali più o meno sott’acqua. La struttura dell’orecchio interno non regge bene a queste differenze di pressione, quindi il barotrauma è un problema che può verificarsi.

La prevenzione del barotrauma è semplicemente quella di non andare sott’acqua se si sentono dolori o altri problemi nell’orecchio, come una perdita dell’udito.

Se il problema si verificasse comunque, la terapia prevede l’assunzione di farmaci per ridurre il dolore e diminuire la pressione nelle orecchie. In casi rari, la manovra di Valsalva può essere utile per ridurre la pressione in eccesso nell’orecchio medio.

Puoi seguire alcuni consigli utili:

  • In caso di viaggio aereo puoi utilizzare dei tappi appositi che equilibrano gli sbalzi di pressione.
  • Se hai intenzione di salire su una montagna, assicurati di poter salvaguardare le tue orecchie con degli appositi dispositivi come i tappi per l’orecchio.
  • Se ti capita il cosiddetto “barotrauma all’orecchio” puoi provare a fare la manovra di Valsalva.
  • Deglutisci spesso e cerca di introdurre aria nella tua bocca e poi soffiarla fuori dal naso.
  • Se fai immersioni subacquee le fasi di discesa o salita devono essere molto lente e non mai sostenute repentinamente, per garantire che i normali meccanismi tubarici possano compensare la variazione di pressione.

Post Correlati

Continua a Leggere

Le cuffie fanno male all’udito?

Le cuffie fanno male all’udito?

Nel mondo di oggi, la maggior parte di noi ha imparato ad adorare le cuffie e gli auricolari (noti anche come earbuds), soprattutto perché li usiamo per le chiamate, i podcast e ascoltare le nostre canzoni preferite. Gli auricolari ci permettono di ascoltare le nostre...

Trauma Acustico: Come il rumore provoca danni all’udito

Trauma Acustico: Come il rumore provoca danni all’udito

Il trauma acustico può causare danni permanenti e irreversibili all'udito che portano alla sordità. Il trauma da rumore è molto comune e colpisce persone in tutto il mondo. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 1 miliardo di individui sia esposto...

Labirintite: Sintomi, Cause e Terapia

Labirintite: Sintomi, Cause e Terapia

La Labirintite è una condizione che si sviluppa quando c'è un'infiammazione dell'orecchio interno e danneggia il labirinto, che a sua volta provoca capogiri e vertigini. I sintomi possono essere trattati con farmaci, tuttavia, se non trattati per troppo tempo, possono...

Lascia un commento

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *